Archivi categoria: Trieste

Piazza Venezia

Piazza Venezia
Piazza Venezia

La piazza che anticamente era intitolata all’Imperatore d’Austria oggi si chiama piazza Venezia.Nel 1867 il principe Massimiliano d’Austria, imperatore del Messico e fratello dell’imperatore d’Austria – Ungheria Francesco Giuseppe, cadde sotto l’artiglieria dei ribelli messicani. Il legame che univa il principe alla città di Trieste era molto forte. Lo stesso Massimiliano aveva scelto il capoluogo giuliano per erigere il castello di Miramare sua residenza. Nel 1875 si decise per la costruzione di un monumento che ricordasse l’imperatore Massimiliano, in divisa da contrammiraglio della flotta austriaca e con il braccio proteso verso il mare e il suo castello (opera dello scultore Giovanni Schilling da Dresda).A seguito del passaggio di Trieste all’Italia nel 1918 la piazza fu oggetto di un ripensamento da parte dell’amministrazione comunale. Dietro forti impulsi nazionalisti che volevano cancellare la presenza e il passato asburgico della città, il nome della piazza venne cambiato da Giuseppina a Venezia (città che fra l’altro era stata per anni avversaria del capoluogo giuliano) e la statua del principe Massimiliano venne smontata e collocata in un magazzino. Tornerà alla luce solo nel 1961 e verrà collocata nel parco del castello di Miramare.Al suo posto venne posizionata la fontana del Nettuno (di Giovanni Mazzoleni) che era precedentemente collocata in piazza della Borsa.Negli ultimi mesi del 2008 la piazza è stata oggetto di una riqualificazione totale che ha portato alla pavimentazione in pietra originale di masegno, nuove panchine e nuovi arredi urbani.Diverse le ipotesi che nel corso degli anni sono state espresse sullapPiazza. Alcuni proponevano di lasciare la fontana del Nettuno nella sua posizione, altri avrebbero preferito che al posto della fontana fosse costruita una statua a ricordo di mons. Santin (vescovo di Trieste e Capodistria durante la seconda guerra mondiale). La soluzione finale ha visto invece il ritorno della statua di Massimiliano nella sua collocazione originale.Da gennaio 2009 la piazza è stata riaperta al traffico pedonale e veicolare (prevalentemente autobus urbani e taxi) e la fontana del Nettuno è stata ricollocata nuovamente in piazza della Borsa, suo sito originale. (FONTE:Wikipedia)

 

Piazza Vittorio Veneto

 

La piazza Vittorio Veneto, è uno delle grandi piazze del cuore di Trieste. Gli edifici del XIX e del XX secolo, suggeriscono che son parte di una successiva estensione della città che non esisteva quando la vecchia Trieste romana era circondata da mura difensive. Al suo centro, la piazza ha una fontana che ricorda la Fontana dei Quattro Fiumi di Piazza Navona a Roma. Qui si trova anche l’ufficio postale principale e diversi edifici ufficiali della città. Vittorio Veneto è una città che si trova nella provincia di Treviso, non lontano da Trieste.
Ha appena 3000 abitanti, ma se merita una piazza così grande in suo onore, sicuramente è grazie alla sua importanza durante l’impero romano, visto che la Via Augusta, una delle principali vie commerciali romane, l’attraversano.

 

La Bora a Trieste

La bora è un vento catabatico, cioè di caduta e compressione adiabatica, di provenienza nord/nord-orientale, che soffia con particolare intensità specialmente verso l’Alto e Medio Adriatico e verso alcuni settori dell’Egeo e del Mar Nero in presenza di forti gradienti barici tra continente e mare.Il termine deriva da Borea, personificazione del vento del nord nella mitologia greca. (Fonte:wikipedia.org)

Nelle seguenti foto potete vedere gli effetti “devastanti” della Bora

 

Canal Grande di Trieste

Italia

Nessuna foto

 

Il Canal Grande di Trieste è un canale navigabile che si trova nel cuore del Borgo Teresiano,in pieno centro città, a metà strada circa tra la stazione ferroviaria e piazza Unità d’Italia, con imboccatura dal bacino di San Giorgio del Porto Vecchio.Fu realizzato nel 1754-1756 dal veneziano Matteo Pirona, scavando ulteriormente il collettore principale delle saline, quando queste vennero interrate per permettere lo sviluppo urbanistico della città all’esterno delle mura.
È stato costruito affinché le imbarcazioni potessero giungere direttamente sino al centro della città per scaricare e caricare le loro merci.Nella sua conformazione iniziale, il canale era più lungo di
come si presenta oggi, ed arrivava sino a lambire la chiesa di Sant’Antonio. La parte terminale del canale è stata infatti interrata nel 1934, con le macerie derivanti dalla demolizione della città vecchia, ricavando così l’attuale piazza Sant’Antonio. Nell’interramento è stata sepolta anche una piccola nave
torpediniera che si trovava lì ormeggiata in avaria ed abbandono dalla fine della guerra.

Il canale è attraversato oggi da due ponti e da una passerella pedonale.Il Ponte Rosso, a metà canale,

fu costruito in legno nel 1756, appena ultimata la costruzione del canale. Era allora l’unico ponte esistente, in quanto gli altri ponti vennero costruiti in epoca successiva. Fu rifatto ampliandolo
una decina d’anni dopo e rifatto ancora, questa volta in ferro, nel 1832. Sul Ponte Rosso si trova  la statua dello scrittore irlandese James Joyce, in ricordo della sua permanenza in città. Ai quattro
estremi del ponte sono posizionati sui parapetti quattro bei fanali, che precedentemente ornavano la statua della dedizione di Trieste all’Austria che si trovava un tempo in piazza Libertà, dinanzi alla
stazione ferroviaria. La statua fu inaugurata nel 1889 e rimossa nel 1919.Il Ponte Verde, all’inizio del canale, all’imbocco dal mare, fu costruito in ferro nel 1858. Gli fu affiancato nel 1904 un altro ponte,
detto Ponte Bianco o Ponte Nuovo, sul quale passava la ferrovia che una volta collegava il porto vecchio al porto nuovo passando per le Rive. All’inizio del canale, a ridosso del ponte, si trova uno squero per la messa a secco e la manutenzione delle piccole imbarcazioni.Il nome dei ponti deriva dal colore con cui erano dipinte in origine le loro strutture. All’epoca della loro costruzione i ponti erano girevoli o apribili, per permettere l’accesso al canale dei velieri per lo scarico delle merci. I ponti mobili furono successivamente sostituiti
dagli attuali ponti fissi in muratura, che però consentono soltanto il passaggio di piccole imbarcazioni durante la bassa marea. Il Ponte Rosso fu sostituito nel 1925, e il Ponte Verde nel 1950. Con queste edificazioni il Ponte Verde e il Ponte Bianco divennero un’unica struttura.

Una passerella pedonale lunga 25 m, posata sul canale il 4 dicembre 2012 ed inaugurata il 23 marzo 2013 collega Via Cassa di Risparmio con Via Trento. È realizzata con una struttura in acciaio, parapetti in vetro infrangibile alti 120 cm e un corrimano su entrambi i lati, sotto al quale sono collocati dei corpi a led che illuminano il camminamento, rivestito in pietra di d’Istria e acciaio. A causa di un presunto errore di misurazione della larghezza del canale la nuova passerella è stata anche protagonista a seguito di un’azione goliardica della S.O.T. (Sorta di Organizzazione Triestina) in collaborazione con la Associazione Iazadi, in perfetto stile “amici miei” mediante delle funi sono state avvicinate le sponde del canal grande. La notizia è stata ripresa dai principali organi di stampa e
tg nazionali, va chiarito che si è trattato evidentemente di una zingarata a tutti gli effetti. Il ponte è stato nominato
ufficialmente “Passaggio Joyce”, ma viene comunemente chiamato “Ponte Curto”

A fianco del Ponte Rosso si trova l’omonima piazza Ponterosso, sede di mercatino all’aperto di frutta, verdura e fiori.

Nel tempo il vivace mercatino si è notevolmente ridotto, e non si odono più i caratteristici richiami che le venditrici, chiamate venderigole, lanciavano ai loro clienti. Su un lato della piazza si trova una fontana (1753 – Giovanni Battista Mazzoleni), con al centro la statua di un puttino, familiarmente chiamato Giovannin de Ponterosso, per il fatto che l’acqua che lo alimentava proveniva dal rione di San Giovanni.Alla fine del canale si trova invece la già citata piazza Sant’Antonio, allestita a giardino, con una grande fontana al centro. Sulla piazza si affaccia il caffè Stella Polare, uno dei caffè storici di Trieste. ( FONTE:http://it.wikipedia.org )

Fotografie di Trieste

 

Galleria Fotografica di Trieste con immagini di ieri e di oggi

 

 

Castello di Miramare

Castello di Miramare
Castello di Miramare

Il Castello di Miramare, circondato da un rigoglioso parco ricco di pregiate specie botaniche, gode di una posizione panoramica incantevole, in quanto si trova a picco sul mare, sulla punta del promontorio di Grignano che si protende nel golfo di Trieste a circa una decina di chilometri dalla città. Voluto attorno alla metà dall’Ottocento dall’arciduca FerdinandoMassimiliano d’Asburgo per abitarvi insieme alla consorte Carlotta del Belgio, offre la testimonianza unica di una lussuosa dimora nobiliare conservatasi con i suoi arredi interni originari. (Fonte:http://www.castello-miramare.it)