Archivi categoria: Strade & Piazze

Piazza Venezia

Piazza Venezia
Piazza Venezia

La piazza che anticamente era intitolata all’Imperatore d’Austria oggi si chiama piazza Venezia.Nel 1867 il principe Massimiliano d’Austria, imperatore del Messico e fratello dell’imperatore d’Austria – Ungheria Francesco Giuseppe, cadde sotto l’artiglieria dei ribelli messicani. Il legame che univa il principe alla città di Trieste era molto forte. Lo stesso Massimiliano aveva scelto il capoluogo giuliano per erigere il castello di Miramare sua residenza. Nel 1875 si decise per la costruzione di un monumento che ricordasse l’imperatore Massimiliano, in divisa da contrammiraglio della flotta austriaca e con il braccio proteso verso il mare e il suo castello (opera dello scultore Giovanni Schilling da Dresda).A seguito del passaggio di Trieste all’Italia nel 1918 la piazza fu oggetto di un ripensamento da parte dell’amministrazione comunale. Dietro forti impulsi nazionalisti che volevano cancellare la presenza e il passato asburgico della città, il nome della piazza venne cambiato da Giuseppina a Venezia (città che fra l’altro era stata per anni avversaria del capoluogo giuliano) e la statua del principe Massimiliano venne smontata e collocata in un magazzino. Tornerà alla luce solo nel 1961 e verrà collocata nel parco del castello di Miramare.Al suo posto venne posizionata la fontana del Nettuno (di Giovanni Mazzoleni) che era precedentemente collocata in piazza della Borsa.Negli ultimi mesi del 2008 la piazza è stata oggetto di una riqualificazione totale che ha portato alla pavimentazione in pietra originale di masegno, nuove panchine e nuovi arredi urbani.Diverse le ipotesi che nel corso degli anni sono state espresse sullapPiazza. Alcuni proponevano di lasciare la fontana del Nettuno nella sua posizione, altri avrebbero preferito che al posto della fontana fosse costruita una statua a ricordo di mons. Santin (vescovo di Trieste e Capodistria durante la seconda guerra mondiale). La soluzione finale ha visto invece il ritorno della statua di Massimiliano nella sua collocazione originale.Da gennaio 2009 la piazza è stata riaperta al traffico pedonale e veicolare (prevalentemente autobus urbani e taxi) e la fontana del Nettuno è stata ricollocata nuovamente in piazza della Borsa, suo sito originale. (FONTE:Wikipedia)

 

Piazza Vittorio Veneto

 

La piazza Vittorio Veneto, è uno delle grandi piazze del cuore di Trieste. Gli edifici del XIX e del XX secolo, suggeriscono che son parte di una successiva estensione della città che non esisteva quando la vecchia Trieste romana era circondata da mura difensive. Al suo centro, la piazza ha una fontana che ricorda la Fontana dei Quattro Fiumi di Piazza Navona a Roma. Qui si trova anche l’ufficio postale principale e diversi edifici ufficiali della città. Vittorio Veneto è una città che si trova nella provincia di Treviso, non lontano da Trieste.
Ha appena 3000 abitanti, ma se merita una piazza così grande in suo onore, sicuramente è grazie alla sua importanza durante l’impero romano, visto che la Via Augusta, una delle principali vie commerciali romane, l’attraversano.

 

Piazza Unità d’Italia

Italia

 

Piazza Unità d’Italia è la piazza principale di Trieste. Si trova ai piedi del colle di San Giusto, tra il Borgo Teresiano e Borgo Giuseppino.
La piazza si apre da un lato sul Golfo di Trieste ed è circondata da numerosi palazzi ed edifici pubblici. Di pianta rettangolare, per superficie è attualmente la più grande piazza d’Europa che si affaccia sul mare. Affacciate sulla piazza si trovano le sedi di diversi enti: il municipio di Trieste, il palazzo della Giunta regionale del Friuli Venezia Giulia e la prefettura del capoluogo.La piazza ha un’area totale di 12.280 m².

Si chiamava inizialmente piazza San Pietro, dal nome di una chiesetta ivi esistente, poi piazza Grande. Assunse il nome di piazza Unità dopo il 1918, quando la città fu annessa al Regno d’Italia; nel 1955, allorché la città ritornò all’Italia con la dissoluzione del territorio libero di Trieste, prese la denominazione attuale.La piazza è stata rimodellata più volte nel corso dei secoli. L’aspetto attuale le deriva dalla ristrutturazione completa che l’ha interessata nel periodo 2001-2005, quando tutti i palazzi sono stati oggetto di restauro; la pavimentazione in asfalto è stata rimossa e sostituita con blocchi in pietra arenaria simili ai tradizionali “masegni” che anticamente lastricavano la piazza; la fontana dei Quattro Continenti
è stata posizionata davanti all’ingresso principale del Municipio, riportandola nella sua locazione originaria, e sul lato mare è stato installato un sistema di illuminazione con led luminosi blu che intendono ricordare l’antico mandracchio interrato nel corso dei secoli.Prima che nella piazza avessero inizio i lavori di risistemazione, l’allora giunta comunale pensò di sfruttare lo spazio disegnandovi un grande dipinto. Il disegno rappresentava l’Europa e Trieste, inserite in una porta ad arco orientale in cui erano indicati il Sol Levante, la Luna e delle stelle gialle su sfondo blu che richiamavano alla bandiera dell’Europa Unita.La rappresentazione simbolica indicava una figura femminile armata di una lancia a forma di alabarda (simbolo di Trieste) in sella a un toro, mentre si dirigeva verso il mare. Opera dell’artista Bruno Chersicla, il disegno voleva significare
la volontà della città di porsi come protagonista della Comunità Europea. Il dipinto, di oltre novemila metri quadrati, è stato segnalato nel Guinness dei primati.(FONTE:wikipedia.org)