Castello Haasberg

Slovenia


Il  Castello Haasberg è stato più di mezzo secolo uno dei castelli più belli oggi in Slovenia, ma ora sono rimasti solo i ruderi. I proprietari più famosi del castello furono i Windischgraetzs che sono stati tra i padroni di casa di buona reputazione.Il proprietario del palazzo importo è il Postumia Haasberg OBC, che gestisce museo Notranjski. “Disposizioni sono attualmente in corso con gli investitori provenienti da Inghilterra e Irlanda interessati al restauro del palazzo. decisioni concrete non sono ancora stati adottati, anche se hanno già visitato il sito “, dice il sindaco di Postumia Jernej Verbič che vede la possibilità di rilanciare l’acquisizione di fondi europei.

Haasberg  era la prima volta nel tardo 13 ° secolo, gestito dalla Kaštelan numerosi e Conti feudali di Gorizia, nel 15° secolo fu di proprietà dei Conti di Celje; dopo la loro estinzione, è passata agli Asburgo. Windischgraetzs furono al Castello la prima volta a metà del 16 secolo. Nei primi 17 secolo, il castello fu acquistato dagli Eggenberg e costruito nuovo, acquistato dal Governatore della provincia di Janez Cobenzl Gasper, ha rielaborato e ampliato in un magnifico palazzo barocco. All’inizio del  19° secolo è stata ereditata da Cronberg, nel 1846 fu acquistato dal principe von Weriand Windis Windischgraetz. In possesso di questa famiglia, il castello è rimasta fino alla fine della seconda guerra mondiale.Haasberg ha avuto anche uno zoo. Molti abitanti, il castello in tutta la sua gloria lo ricorda ancora bene. 82.enne Ivan Hrovatin da Laz dice: “Mi ricordo che quando fu fatto il riscaldamento centralizzato, sono entrato nella stanza che era piena di lampadari, ogni stanza era piena di tappeti e così via”. Ricorda la cappella del castello, una grande cucina e uno zoo. Dice anche che suo marito è andato a scuola con due figli Windischgraetzovima. “Nella scuola pranzavano insieme loro con il pane bianco, gli altri con il nero.Hrovatinova ricorda inoltre che il castello erano molto amichevole con tutti gli uomini, che andavano anche vendere i loro prodotti nel castello. “Quando i nonni festeggiarono le nozze d’oro, il sacerdote inviato al castello,” ricorda l’incidente,  l’orso dal loro zoo aveva reciso al braccio di qualcuno. “Pagato, trattare e mantenere nel castello.”
Bruciato dai partigiani tra le due guerre, il castello appartenne ai proprietari dopo la linea di intervento di confine tra l’Italia e il Regno dei Serbi, Croati e corse accanto al palazzo. Windischgraetzs palazzo fu bruciato nella primavera del 1944, dai partigiani, del valore materiale più prezioso bruciati, presumibilmente per non diventare un avamposto tedesco. Le persone dicono di sapere che questa era solo un pretesto, e che diede fuoco alle nuove possibilità che essi sono già stati licenziati, al fine di offuscare le tracce. Hrovatinova ricorda che erano fermi lungo la linea ferroviaria quando hanno notato che il castello era in fiamme. “Era una grande città”, ha aggiunto con rammarico. In caso di incendio, bruciato il tetto e il soffitto in legno ai piani superiori, la parte inferiore due piani sono stati lasciati intatti. Purtroppo, il castello, che è stato nazionalizzato dopo la guerra e passò sotto l’amministrazione del Ministero delle Foreste, mai ha seriamente iniziato a rigenerarsi, anche se siarebbe ancora in grado. Nel corso degli anni, il castello era in rovina ancora di più. (Fonte:http://schedetrieste.blogspot.it/)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *