Antica Cisterna Romana di Opicina

 

 

Le sue origini sono antiche, ma la sua forma attuale risale al 1836. Utilizzata inizialmente come fonte d’acqua per l’abitato, poi come “jazera”, infine poi come sorgente d’acqua per le locomotive. La larga carrareccia, che scende a spirale lungo i versanti della dolina, serviva proprio per il transito dei carri che dovevano prelevare l’acqua per le locomotive della vicina stazione ferroviaria. Con i suoi 12 metri di diametro, è una delle opere più grandi nel suo genere; e, come tutti gli specchi d’acqua del Carso, è importantissimo dal punto di vista naturalistico, per la varietà di fauna che ospita. Ovviamente, non manca in rete chi parli di usi rituali del luogo, per celebrazioni di improbabili dee lunari, decantando come la luna si rifletta nello specchio d’acqua. ( FONTE:http://www.carsosegreto.it )

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *